La storia del nostro made in Italy

I

o sono Valeria e ho creato il marchio Adalù. Ada e Lu’, Luciana, sono state le artefici, nel senso più letterale del termine, della trasmissione nel tempo delle memorie, nozioni e testimonianze, dal loro tempo al mio tempo. Per questo dovremmo ringraziarle tutti. Dovremmo ringraziare i nostri nonni che con la massima dedizione ci hanno insegnato a vivere, creare, parlare e sognare.
A seguito della perdita di mia nonna Ada ho vissuto un periodo di forte nostalgia, quel senso di smarrimento che ci capita spesso quando vogliamo una cosa che non c’è più. Come potevo sapere questa o quella cosa se non potevo chiederla a lei, come avevo sempre fatto fin da bambina? E il dispiacere di non aver saputo cogliere al massimo ogni attimo passato al suo fianco mi ha reso debole e triste. Non ho mai superato la sua mancanza, ma ho ricercato la sua vicinanza, per averla il più stretta possibile a me, per sentire la sua voce emozionata nel vedermi realizzare qualcosa con le mie mani.
Quando disegno qualcosa la sento vicino, quando provo a realizzarla la vedo, quando rido perché è venuta una schifezza rido con lei. Questa mia attitudine all’arte quasi schizofrenica mi fa riflettere molto sul valore dei nostri sentimenti in tutto quello che facciamo. La Passione. La sofferenza che si trasforma in forza e da luogo alla creazione.

Tutto è possibile solo grazie alla Tradizione.

D

entro i miei costumi metto tutto questo, unendolo con la mia curiosità e la mia passione per la ricerca, che mi hanno portato a sperimentare ogni anno qualcosa di nuovo. Amo cambiare e conoscere i tessuti più particolari e innovativi, creati da una delle aziende italiane del settore più all’avanguardia, che ha scelto di installare un vero e proprio laboratorio di ricerca all’interno della sua sede principale con lo scopo principale di accrescere la loro azienda nell’ambito dei business sostenibili e con basso impatto ambientale. Aziende come questa sono in grado di stare al passo con il cambiamento, e cercano di stare al passo di noi donne contemporanee, cosa non da poco, cercando di renderci la vita in acqua più confortevole e ecosostenibile.

Ed è per questo che nell’ultima collezione ho fatto molto uso del Nilo, un tessuto tecnico leggero e morbido dall’effetto modellante, che valorizza la silhouette ma senza costringere; per lo stesso motivo mi sono servita di un tessuto mèlange, dall’effetto flammè, denominato Favola, che garantisce un’ottima copertura e una perfetta vestibilità garantendo comfort e benessere; entrambi dalla rapida asciugatura, entrambi vestono come una seconda pelle, rendendo i costumi Adalù piacevoli da indossare. Ed è inoltre per questo che grazie alla loro ricerca la prossima collezione sarà studiata interamente a partire da una stoffa riciclata, la Revolutional Eco.

Vivere in Italia significa avere tanti ostacoli sì, ma anche possibilità che nel resto del mondo si sognano! Combatto ogni giorno con le barriere burocratiche e culturali che il mio paese mi mette davanti, ma dietro quelle barriere vedo il futuro che voglio e, forte delle mie radici, vado avanti, perché le nostre radici non sono solo parte del passato ma devono rappresentare i gradini più solidi attraverso cui accedere al futuro.

Per concludere, cosa significa sostenere il Made in Italy? Significa dare valore ai nostri insegnamenti, credere nell’amore che ci hanno insegnato a dare e a ricevere. Ed è per questo che quando incontrano il modello giusto, le mie clienti toccandolo sorridono e indossandolo aprono la bocca sbalordite trattenendo il respiro per un secondo. Questo è quello che fa solo l’amore.

 

Innamoratevi anche voi di

+39 339 645 0788

CITYBEACH

Via Mantova 3, Roma, ITALIA

NORTHSHORE

Alzaia Naviglio Pavese 6, Milano, ITALIA

BLACKWAVE

Passeggiata Punta S. Anna – box 10, Recco, ITALIA

info@adalu.it